Bacoli (NA). L'attività dell'ISCR nel Parco sommerso di Baia

Baia_Parco sommerso
Tipologia bene restaurato
Edilizia - Rivestimenti e pavimentazioni
Regione
Campania
Provincia
Napoli
Comune
Bacoli
Localizzazione specifica
Zona A del Parco Sommerso di Baia - Punta Epitaffio
Istituto-Ufficio competente
Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei
Tipologia intervento
Restauro
Tipologia finanziamento
Fondi ISCR della programmazione ordinaria del MIBAC, A.F. 2010
Anno/i campagna/e di restauro
2011
Responsabile scientifico
Barbara Davidde
Datazione bene restaurato: DA
Datazione bene restaurato: A

Descrizione

Dal 30 maggio al 30 giugno 2011 la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei ha ospitato il cantiere di restauro conservativo dell'Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR) che ha interessato l'ambiente pavimentato in opus sectile situato presso il plinto n. 39 (Zona A del Parco Sommerso di Baia-Punta Epitaffio). Il lavoro è stato finanziato con fondi ISCR della programmazione ordinaria del MIBAC, A.F. 2010; RUP e Direttore dei lavori: dott.ssa Barbara Davidde; progettisti: dott.ssa Barbara Davidde, dott. Roberto Petriaggi e, per la parte biologica, dott.ssa Sandra Ricci (Responsabile della sezione di Biologia marina del laboratorio di indagini biologiche dell'ISCR).
Il lavoro di restauro di quest'anno ha previsto la pulitura manuale, il consolidamento strutturale ed il restauro con malta idraulica del pavimento, dei frammenti di lastre marmoree del rivestimento parietale e delle strutture murarie superstiti. A restauro concluso il pavimento è stato protetto con teli di geotessuto Terram 2000 generosamente offerto dalle Officine Maccaferri e tenuto in posto da sacchetti riempiti con ghiaino.
Per venire incontro alle esigenze di fruizione, d'accordo con il dott. Paolo Caputo, è stata realizzata un'apertura di forma quadrata nella quale il pavimento è ricoperto esclusivamente dalla sabbia del fondale. Lo stesso tipo di copertura è stata posizionata, in sostituzione di quelle vecchie, ormai deteriorate, sui pavimenti di mosaico restaurati dall'ISCR nella villa con ingresso a Protiro e nella Villa dei Pisoni. Alla sistemazione delle coperture ha partecipato anche il Gruppo archeologico subacqueo della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei. Come ogni anno, sono stati controllati i restauri degli anni precedenti con la realizzazione di puntuali riprese murarie, ove e se necessario. I lavori continueranno nel corso dell'anno con la Schedatura Analitica dei Manufatti Archeologici Sommersi (SAMAS) e con il monitoraggio ambientale e gli studi biologici. In particolare, questi ultimi saranno condotti in collaborazione con il gruppo di ricerca di biologia marina dell'Università di Roma Sapienza, prof. Giovanni Ardizzone e saranno finalizzati alla caratterizzazione delle biocenosi vegetali e animali presenti sulle strutture sommerse e allo studio della dinamica di colonizzazione su provini di materiale lapideo.

Barbara Davidde (Direttore del Nucleo per gli Interventi di Archeologia Subacquea ISCR)

Documenti allegati

L'attività dell'ISCR nel Parco sommerso di Baia